Radius: Off
Radius:
km Set radius for geolocation
Cerca

Strada del Castagno: è arrivata la segnaletica turistica sul territorio

Strada del Castagno: è arrivata la segnaletica turistica sul territorio

Negli scorsi mesi anche lungo le strade dei comuni del territorio del Parco dell’Antola è stata installata la nuova segnaletica dedicata alla Strada del Castagno, l’importante progetto di sviluppo turistico che ha preso vita nel 2005, con la costituzione di un’associazione che coinvolge ad oggi circa centocinquanta soci, per la maggior parte rappresentati da aziende agricole, agriturismi, strutture ricettive, ristoranti, imprese di trasformazione, cooperative, consorzi di tutela e associazioni, oltre all’Agenzia di Sviluppo GAL Genovese, ai Parchi Naturali dell’Antola, dell’Aveto e del Beigua e a diversi comuni de territorio.

La Strada del Castagno è un itinerario dei prodotti delle Valli Genovesi (riconosciuto ai sensi della Legge Regionale 13/2007) che si sviluppa attraverso otto valli (Valle Sturla genovese, Val Polcevera, Valle Scrivia, Val Trebbia, Val Fontanabuona, Valli Aveto, Graveglia e Sturla e Val Petronio) per riscoprire le eccellenze ambientali e culturali che caratterizzano questo ampio territorio.

“L’Associazione – spiega Annalisa Cevasco, coordinatrice progettazione SSL (Strategia di Sviluppo Locale) del GAL Genovesenasce con l’intento di promuovere i prodotti tradizionali del territorio dell’Area metropolitana genovese, mediante la realizzazione di un itinerario turistico che permette di conoscere le valli attraverso le produzioni agroalimentari. Tutti i prodotti sono prodotti o IGP/IGT o presidi Slow Food o biologici o, infine, inseriti nell’Atlante dei prodotti tradizionali della Regione Liguria. Il castagno è stato scelto come tema della Strada, in quanto è l’elemento che, in modo uniforme, rappresenta il paesaggio del genovesato nel suo complesso e la cultura e la civiltà contadina connessa”.

 La strada, oltre che una realtà associativa, è un itinerario concretamente percorribile sul territorio, identificato a livello d’immagine e promozione anche dalla segnaletica turistica recentemente installata.

“Sotto l’aspetto della fruibilità turistica la Strada è un percorso automobilistico che permette, di valle in valle, di percorrere anelli che portano alla visita delle aziende agricole da un lato e delle emergenze culturali e ambientali presenti, dall’altro – conferma Annalisa Cevasco – La segnaletica è, da poco, presente su tutto il percorso e guida il viaggiatore attraverso la scoperta delle peculiarità presenti. L’itinerario presenta delle bacheche esplicative delle singole tappe e del percorso nel suo complesso nei comuni, mentre singole frecce accompagnano il turista. La Strada interseca poi gli itinerari naturalistici, i percorsi a piedi o in bicicletta, presenti nei diversi comuni. Nel suo complesso la Strada si articola in 11 tappeI “protagonisti”, veri attori principali, della Strada sono le aziende agricole e gli agriturismi, ma non mancano i ristoranti, i B&B e altre strutture ricettive, i centri culturali, le Proloco e i Parchi Naturali dell’Antola, dell’Aveto e del Beigua, che costituiscono il vero punto di eccellenza dell’ambiente naturale. La Strada, infine, ha due vetrine una a Genova presso il Mercato del Carmine, che è punto vendita e di degustazione dei prodotti della Strada e a Sestri Levante, presso Abbazia della Annunziata”.

L’itinerario turistico proposto dalla Strada del Castagno prevede due accessi: uno a ponente attraverso la Val Polcevera e l’altro a levante, percorrendo la Val Fontanabuona, che permette di entrare nel cuore del sistema territoriale nel quale è possibile riscoprire la cultura del castagno attraverso tre momenti, quello produttivo nelle Valli Aveto, Graveglia e Strurla, quello museale della Val Trebbia e quello della Valle Scrivia che rappresenta il luogo d’incontro tra il sistema produttivo e quello storico tradizionale. Il percorso permette anche di apprezzare il patrimonio artistico – culturale che propone ampi esempi in tutte le valli attraversate dalla “Strada del Castagno”.

La segnaletica recentemente installata, la pubblicazione realizzata negli scorsi anni e la pagina Facebook “Stradadelcastagno” costituiscono gli strumenti principali di comunicazione e promozione di questo importante progetto turistico. “Si tratta di una realtà che riveste un ruolo strategico nella valorizzazione e promozione turistica del territorio – conferma Marisa Bacigalupo, presidente dell’Associazione Strada del Castagno – in quanto mette a sistema una proposta che permette ad un ampio pubblico di turisti, sia individuali sia gruppi, di visitare e conoscere l’entroterra, potendo soggiornare presso gli agriturismi, i B&B e le altre strutture ricettive presenti e degustando i prodotti della tradizione culinaria ligure, particolarmente sapiente. E’ una valida proposta per una visita di più giorni in Liguria, partendo dal mare e ritornando ad esso, scoprendo castelli, borghi, santuari, ma soprattutto i prodotti, le aziende e le persone. Infine per gli appassionati della cultura rurale l’itinerario è un’occasione di vivere la Liguria in modo autonomo dal mare”.

 Di questo sistema turistico il territorio delle valli dell’Antola è sicuramente uno dei nodi e delle aree di interesse principali e, con l’adesione all’associazione della Strada del Castagno, il Parco dell’Antola si è impegnato a dare pieno appoggio e contributo alle iniziative per il rilancio e la valorizzazione dell’entroterra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Inline
Inline

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze ed in alcuni casi per inviare messaggi pubblicitari. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies Clicca qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi