header-image
Radius: Off
Radius:
km Set radius for geolocation
Cerca
Via ferrata
COME ARRIVARE
Autostrada A7 Milano-Genova.Uscita Busalla,da qui 9 km e si raggiunge Crocefieschi.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Crocefieschi
LOCALITÀ DI ARRIVO
Crcefieschi
TEMPO DI PERCORRENZA
Da Crocefieschi all’attacco: 0,30 ore - Primo tratto: 0,40 ore - Secondo tratto: 1 ora - Terzo tratto: 0,30 ore - Quarto tratto: 0,30 ore - Discesa: 1 ora
DISLIVELLO
Dislivello in salita da Crocefieschi: 300 m
DIFFICOLTÀ
EEA
LUNGHEZZA DEL PERCORSO
La salita e discesa dalle diverse strutture conferisce al percorso una significativa lunghezza complessiva con almeno 600 metri attrezzati con cavo.

Avvicinamento

Una volta giunti a Crocefieschi si può lasciare l’aut nel parcheggio lungo la strada principale e inoltrarsi a piedi lungo le vie del paese. Si raggiunge quindi in salita la cappella della Madonna della Guardia e si prosegue sul sentiero contrassegnato dal segnavia quadrato giallo vuoto (F.I.E.) che porta verso le Rocche del Reopasso. Giunti presso gli affioramenti rocciosi, in prossimità del colletto tra il Monte Castello e la struttura detta “Anchise” (conosciuta anche come “Grillo” o “Lumaca” del Reopasso), si lascia la traccia principale salendo a destra (indicazioni per la ferrata) fino a raggiunge il punto di attacco della via ferrata.

La Ferrata

Le Rocche del Reopasso (ph Bruno own work – Pubblico Dominio)

Primo tratto

La ferrata attacca seguendo una ad una profonda e sinuosa fenditura, dove si comincia a prendere confidenza con le singolari caratteristiche del conglomerato. Il percorso acquista man mano verticalità, restando sempre fra le pareti della fenditura, fino a sbucare sulla cresta dell’Anchise. Qui un comodo sentiero sulla destra offre una “via di fuga” per chi non volesse proseguire oltre lungo la ferrata.

Raggiunto il punto sommitale della struttura si scende, sempre lungo la cresta, prima su terreno ancora ripido, protetto da un cavo, poi per tracce di sentiero (bolli arancio di segnalazione della direzione) che portano fino al colle fra tra Anchise e Biurca nei pressi di una piccola area pic nic attrezzata con tavolo panche in legno.

Secondo tratto

Si affronta ora l’imponente parete della Biurca procedendo da prima su sfasciumi e tracce (sempre seguendo i bolli arancio) arrivando a prendere il cavo che consente di vincere un primo salto, raggiungendo una spalla erbosa. Proseguendo sul fil di cresta si arriva a una cengia che contorna, sulla destra, la base della parete verticale. Qui è possibile seguire la cengia attrezzata in leggera discesa e raggiungere il canale da dove, per tracce di sentiero e gradoni rocciosi, si arriva al bivacco.

In alternativa si può affrontare direttamente il difficile percorso che sale la parete verticale (con tratti anche strapiombanti), per poi traversare a sinistra fino a raggiungere lo spigolo S-SE e la cima sud della Biurca (934 m). Dalla cima si scende all’intaglio dove è posto il bivacco e da lì si sale sulla cima nord della Biurca (941 m), per continuare, seguendo le segnalazioni, sul sentiero che porta verso la Carrega do Diao.

Terzo tratto

Seguendo le indicazioni sulla destra e traversa per 150 m circa lungo un sistema di cenge attrezzate fino in prossimità di un colletto. Anche in questo punto si possono scegliere due direzioni. La base del bel pilastro verticale della Carrega si può, infatti, raggiungere sia seguendo il cavo fino al colletto, sia attraversando lo spettacolare ponte su cavo di acciaio di 15mt circa che da accesso alla base del pilastro.

Quarto tratto

Si affronta il pilastro a tratti strapiombante fino a raggiungere la spalla meridionale della struttura da dove, dopo un breve tratto in piano, si sale l’ultimo risalto che conduce alla vetta della Carrega do Diao (959 m).

Discesa

Dalla vetta, seguendo il segnavia F.I.E., si scende in un diedro canale attrezzato con cavo e, per un tratto di roccette, si ritorna sulla spalla sud. Il sentiero segue una cengia alberata si scende fino alla sella. Qui si segue la traccia ripida di sinistra, costeggiando il versante occidentale della Carrega e, superando altri tratti attrezzati, prosegue sul panoramico crinale che porta alla Biurca settentrionale. Qui si scende lungo la ripida via normale del versante ovest. Giunti ai piedi della cresta si piega a sinistra e costeggiando la parete si giunge al colletto fra l’Anchise e la Biurca, riprendendo il comodo sentiero per Crocefieschi.

MAPPA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Inline
Inline

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze ed in alcuni casi per inviare messaggi pubblicitari. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies Clicca qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi