header-image
Radius: Off
Radius:
km Set radius for geolocation
Cerca
Itinerario MTB
COME ARRIVARE
Da sud: autostrada A7 Genova-Milano, uscita di Busalla, poi SP. 9 per Crocefieschi. Da qui indicazioni per Vobbia. Da nord, A7 Genova-Milano, uscita di Isola del Cantone e SP. 8 per Vobbia.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Vobbia (477 m)
LOCALITÀ DI ARRIVO
Vobbia (477 m)
TEMPO DI PERCORRENZA
4 ore
DISLIVELLO
+1280 - 1265 metri
DIFFICOLTÀ
Impegnativo
LUNGHEZZA DEL PERCORSO
30,7 km

Salita

Da Vobbia si percorre la strada in direzione di Crocefieschi fino a raggiungere il primo bivio, dove s prosegue seguendo le indicazioni per Noceto.

Giunti al primo tornante si imbocca a destra per una stradina asfaltata che scende verso il torrente Fabio fino a guadare il corso d’acqua, per poi riprendere rapidamente quota affrontando qualche tornante.

Giunti al bivio sottostante le case di Costa Clavarezza, si prende a destra, seguendo la sterrata che aggira l’abitato. Una volta arrivati a monte del paese si svolta a ancora destra e si prosegue fino a raggiungere il crinale dove si incontra la strada proveniente da Crocefieschi ed il segnavia della FIE contraddistinto da due linee gialle.

Si segue ora sulla sinistra la strada asfaltata, che sale fino ad arrivare al valico dell’Incisa, dove si imbocca sulla destra un’ampia sterrata e poi a sinistra il sentiero sentiero FIE che sale verso l’Antola, affrontando un tratto difficilmente ciclabile, fino a raggiungere un colletto.

Cominciamo quindi a traversare sotto le pendici del monte Riundo, affrontando ancora tratti non ciclabili, fino alla sella dove si sale diritti,sulla linea di massima pendenza, ignorando i sentieri laterali. Quest’ultima parte da superare a spinta da accesso al successivo tratto ciclabile, che, costeggiando il versante nord del monte, raggiunge la cresta e il valico (area pic nic attrezzata con tavolo e panchine) ai piedi del Monte Buio.

Si segue il sentiero che costeggia le pendici del monte sino al punto in cui questo cambia pendenza e comincia a scendere. Qui si imbocca la traccia contrassegnata con un quadrato giallo, che sale verso sinistra. Ancora un breve tratto a spinta consente di raggiungere la sella da dove, superando un paio di impegnative rampe, si arriva alla vetta del Monte Buio (1.402 m).

Discesa

Dalla vetta si torna alla sella e si segue il sentiero FIE con il segnavia del quadrato giallo, affrontando una ripida discesa nel bosco. Un tratto pianeggiante conduce al passo di Sesenelle.

Dal passo si prosegue stando sul crinale (segnavia FIE con tre pallini gialli e CAI 200 bianco e rosso), e poi in discesa, dove il sentiero diviene strada forestale. Giunti a un bivio si prende a destra, sempre seguendo i segnavia, e si attiva ad imboccare una sterrata che si percorre in salita verso sinistra, raggiungendo il valico di San Clemente.

Al valico si attraversa la strada asfaltata affrontando il sentiero che risale il pendio e porta alla chiesetta di San Fermo, posta in bella posizione panoramica. Si scende quindi dalla parte opposta, fino a raggiungere nuovamente la strada asfaltata presso il valico di San Fermo. Si prosegue a destra restando sulla strada sino al primo incrocio dove, a sinistra si scende lungo una pista forestale, tagliando il fianco del monte sino al crinale dove si incrocia un sentiero.

Il nostro itinerario prosegue restando sulla sterrata e affrontando alcuni saliscendi sino al bivio con un’altra strada dove si imbocca la direzione di destra, proseguendo sino ad incontrare (poco prima di una salita) il sentiero FIE con il rombo giallo vuoto, che seguiamo sulla sinistra e che aggira la collina sulla destra, portando all’albergo del passo di Salata

Svoltando a sinistra si risale sino a raggiungere in breve il Passo di Costa Salata. Da qui una svolta a destra conduce ad un incrocio dove si prende a sinistra lungo una sterrata che si segue sino alle case di Caprieto. Giunti fra le case si prende a sinistra, raggiungendo la strada asfaltata. Seguiamo la strada sino al cartello segnaletico che ci invita ad imboccare la Via del Sale. Seguiamo questo itinerario percorrendo una mulattiera e poi una sterrata che scende al Mulino del Cascé dove si incrocia la provinciale che, sulla destra, riporta a Vobbia.

MAPPA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Inline
Inline

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze ed in alcuni casi per inviare messaggi pubblicitari. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies Clicca qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi