Radius: Off
Radius:
km Set radius for geolocation
Cerca
Itinerario a piedi
COME ARRIVARE
Accesso stradale: da Genova o da Piacenza si percorre la SS 45 fino ad incontrare la diramazione che porta a Torríglia. Si prosegue per un breve tratto verso Propata, poi s’imbocca a sinistra la stretta rotabile per Donetta. Qui si svolta a destra e, superata la panoramica Colletta di Péntema, si scende al pittoresco borgo omonimo.
LOCALITÀ DI PARTENZA
Péntema
LOCALITÀ DI ARRIVO
Péntema
TEMPO DI PERCORRENZA
2 ore e 50 / 3 ore e mezza
DISLIVELLO
+- 485 metri
DIFFICOLTÀ
E
LUNGHEZZA DEL PERCORSO

Pentema è un caratteristico centro rurale di mezza costa nell’alta Val Pentemina: tra i più suggestivi della catena dell’Antola. L’isolamento ha favorito la conservazione dell’impianto urbanistico, con le case che s’irradiano dalla chiesa addossate l’una all’altra, con ripide creuze che scendono a pettine, con scorci che riportano alla fine del XIX secolo.

Dal 1995 poi, tra dicembre e febbraio, Pentema si trasforma in un grande e famoso presepe dall’atmosfera unica: realizzato da volontari, esso è allestito nei vicoli, nelle case, nelle stalle, dove vengono ricostruiti ambienti e mestieri di fine Ottocento, utilizzando manichini a grandezza naturale con i costumi dell’epoca.

Dal 2010 è anche visitabile un piccolo museo dedicato alla vita contadina, la “Cà da Sitta” (www.reteantola.it), dal nome dell’ultima abitante dell’antico edificio, risalente al XVI secolo. Malgrado fosse stata abbandonata nel dopoguerra, la casa ha conservato tutte le suppellettili e in seguito è stata attentamente restaurata dall’associazione GRS Amici di Pentema. Nel borgo si trovano: la locanda “al Pettirosso” (ristorante con camere, tel. 010.944802) e un bar-ristoro.

Itinerario: dalla piazzetta sopra l’abitato di Péntema (798 m) s’imbocca la mulattiera lastricata, segnalata con tre pallini gialli, che salendo taglia verso ovest un ripido pendio terrazzato. La mulattiera prosegue per un tratto in piano nel bosco, poi riprende a salire. Attraversati due rii, s’incontrano, in prossimità di una zona più aperta, i Casoni della Scurtega-a (918 m). Giunti su un costone si sale a destra e dopo circa 40 minuti di cammino, si arriva alla Cappella della Madonna della Guardia (località Piani di Teglia, 1036 m; 40-50 minuti da Péntema) in bella posizione su un crinale della Val Pentemina.

La piccola chiesa risale all’Ottocento; fu costruita per voto di un sacerdote smarritosi nei boschi per via della nebbia. L’ingresso è rivolto all’omonimo, famoso santuario della Val Polcévera: anche qui la festa si celebra il 29 agosto con grande partecipazione popolare.

Dalla cappella si procede quasi in piano verso nord, fino allo spartiacque tra la Val Pentemina e la Valbrevenna, dove s’incontra il sentiero segnalato con due quadrati gialli pieni, che collega Avosso al Monte Antola.

Nello stesso punto, crocevia di antiche percorrenze, sono indicate le deviazioni per raggiungere gli abitati di Carsi (20 minuti) e la vecchi mulattiera per Cerviasca (20 minuti). Il luogo, sottostante la Costa della Gallina, è detto “Ballo della Gallina”: è una zona pianeggiante, un tempo ritrovo dei giovani delle valli, che qui, in occasione delle diverse feste patronali, potevano ballare eludendo il divieto imposto in quelle occasioni presso le chiese e cappelle. Su questa costiera correva l’antico confine tra i feudi dei Fieschi di Savignone, dei Doria di Torríglia e la giurisdizione di Montoggio e Frassinello, compresi dopo il 1547 nella Repubblica di Genova.

Si va a destra lungo il sentiero principale percorso dalla RigAntoCa e, seguendo l’itinerario, si raggiunge la Cappella del Colletto (o dei Bucci, 1283 m; 1.10-1.30 ore dalla Madonna della Guardia). Qui si gira bruscamente a destra, a ritroso in discesa, per imboccare il sentiero segnalato con “tre pallini gialli” (descritto nell’itinerario seguente) che scende ai Buoni (1120 m) da dove si continua in ripida discesa per mulattiera fino a Pentema (798 m, 1-1.10 ore dalla Cappella del Colletto).

Itinerario tratto dal volume di A. Parodi e A. Schiavi “La catena dell’Ántola (113 escursioni tra Scrivia, Trebbia e Oltrepo, sui monti delle Quattro Province)”, ed. Andrea Parodi, Cogoleto 2015 (www.parodieditore.it).

MAPPA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati

Inline
Inline

Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per offrirti servizi in linea con le tue preferenze ed in alcuni casi per inviare messaggi pubblicitari. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies Clicca qui

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi